Galleria il Ponte su Facebook
Galleria il Ponte su Twitter
Galleria il Ponte su Pinterest

Zorzi Alberto

La_città,_1995,_spilla_in_argento_925_cm_5x2,5.jpg
Structura,_1996,_spilla_in_oro_750_cm_7,5x2x3.jpg
La_città,_1998,_spilla_pendente_in_oro_giallo_750_cm_10x4x2.jpg
Scritturale,_2000,_bracciale_in_alpaca_e_pigmenti_cm_7,2x13x6.jpg
La_città,_2002,_anello_in_oro_giallo_750,_cm_6,3x4x3,8.jpg

Alberto Zorzi nasce a Santa Giustina in Colle (Padova) nel 1958, dove studia all’Istituto d’Arte “Pietro Selvatico”, scuola che vanta una grande tradizione per l’oreficeria d’avanguardia, qui, durante un periodo di formazione di cinque anni, si occupa di pittura, scultura e arte orafa. Dal 1976 frequenta una sezione separata per l’arte della lavorazione dei metalli e dell’oreficeria conseguendo la Maturità d’Arte Applicata. Si forma quindi come artista-orafo alla Scuola di Padova, in un periodo di vivacità creativa dell’area veneta, durante il quale si approfondiscono le ricerche ottico-cinetiche (Gruppo N) e si reinterpretano le analisi effettuate dal Bauhaus e dalla scuola di Max Bill., Sempre a Padova, si laurea in Storia dell’Arte Contemporanea con una tesi sul gioiello d’artista, analizzando in particolar modo l’operato di Lucio Fontana pittore, scultore e creatore orafo.
La sua formazione, volta ad esprimersi in un modus operandi libero da impostazioni scolastiche, conosce un’intensa attività di ricerca, proiettata prevalentemente verso referenze internazionali, soprattutto germaniche e anglosassoni.
La ricchezza della sua attività progettuale, in gran parte composta di annotazioni e disegni, evidenzia una sua primaria voglia di sperimentazione, di studio, di indagine estetica ammirevoli per il continuo richiamo alle forme e alle particolarità delle materie.
Dal 1987 insegna Arte dell’Oreficeria presso l’Istituto d’Arte Pietro Selvatico, dal 1991 al 1993 all’Istituto Europeo di Design di Milano (Dipartimento del Gioiello) e dalla seconda metà degli anni Novanta è professore di Oreficeria alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze (Corso di Laurea in Cultura e Stilismo della Moda, dove dal 2000 è Coordinatore del corso di Oreficeria) e all’Accademia di Belle Arti di Ravenna.
Rappresentante tra i più ricercati della nota scuola orafa padovana, già dalla seconda metà degli anni Ottanta è protagonista di molte personali in Italia (Milano, Galleria Schubert; Padova, Galleria Fioretto; Verona, Galleria Borghesi; Firenze, Galleria Fallani Best) e all’estero (Berna, Galerie Michèle Zeller; Hanau, Deutsches Goldschmiedehaus; Zurigo, Galerie Schmuck Forum).
Vincitore nel 1982 del primo premio al concorso internazionale Die Kette di Hanau, dell’Associazione tedesca di arte orafa, è particolarmente conosciuto e apprezzato in Germania e in Svizzera dove partecipa a molte mostre collettive (Pforzheim, Schmuckmuseum; Monaco, Sonderschau der Internationalen Handwerksmesse; Lugano, Galleria Cubo).
Nel 1993, nell’ambito della Fiera Internazionale del Gioiello a Vicenza, la collaborazione con l’azienda orafa Galante di Vicenza lo vede vincitore del concorso Premio Design Gallery.
Nel 2003 ottiene il Premio Nazionale Argò a Roma con l’opera La città, nell’ambito dei gioielli d’avanguardia per ricerca, sperimentazione e scelta dei materiali.
Le creazioni dell’artista vengono esposte ancora in personali e collettive in sedi pubbliche e private tra le più importanti in Europa (Vienna, Galerie V&V; Parigi, Palais de Chaillot, Musée du Luxembourg; Londra, Electrum Gallery; Anversa, Provinciaal Diamantmuseum; Legnica, State Gallery of Art; Lubiana, Museo Etnografico Sloveno; Istanbul, Museo di Arte Islamica e Turca) e nel mondo (Buenos Aires, Museo Nacional de Bellas Artes; Perth, Art Gallery of Western Australia; Corea del Sud, Seoul Arts Center; Tokyo, Yarakucho Art Forum).
Si sottolineano le esposizioni dell’artista a Firenze, Palazzo Pitti, L’Arte del Gioiello e il Gioiello d’Artista dal ‘900 ad oggi e ad Ancona, Mole Vanvitelliana, Immaginazione Aurea. Artisti Orafi e Orafi Artisti in Italia nel Secondo Novecento.
Alcune sue opere sono presenti nelle collezioni pubbliche di Milano (Civico Museo Archeologico), Arezzo (Museo Nazionale di Oreficeria Contemporanea), Hanau (Deutsches Goldschmiedehaus), New York (Museum of Art and Design), Montreal (The Montreal Museum of Fine Arts), Perth (Art Gallery of Western Australia), Graz (Landesmuseum Joanneum), Erbach (Deutsches Elfenbeinmuseum).
 

Jump to this page top | Back to previous page |