Galleria il Ponte su Facebook
Galleria il Ponte su Twitter
Galleria il Ponte su Pinterest

Roberto Pietrosanti

sculture e opere su carta

a cura di

ANDREA ALIBRANDI

28 ottobre - 20 novembre 2004 

allestimento_2.jpg allestimento_5.jpg

Con  le sue sculture e opere su carta Roberto Pietrosanti ha inaugurato la serie di mostre denominata Close up.
Roberto Pietrosanti sviluppa un’approfondita, rigorosa indagine sulla spazialità, attraverso opere di intensa suggestione giocate sul filo di una sottile destabilizzazione visiva e percettiva. Per la presente occasione l’artista ha esposto al pubblico sfere di rame che ingaggiano nei fatti quasi un duello spaziale con l’ambiente della galleria, interferendo nella percezione del luogo da parte dello spettatore per mezzo di un complesso meccanismo di pressione e reazione, di spinte e bilanciamenti visivi. Gli episodi scultorei giungono a stabilire una relazione con il luogo, in una attinenza che appare tuttavia depurata da ogni notazione narrativa o esistenziale. Mostrate al pubblico una prima volta in occasione della rassegna a cura di Ludovico Pratesi Giganti, Arte Contemporanea negli scavi dei Fori Imperiali (Roma 2000) – ove fungevano da controcanto i resti archeologici –, le sculture sferiche sono state esposte nel 2001 a Londra, alla personale allestita presso la Andipa Gallery, e nel dicembre-gennaio 2003 a Roma, nel progetto ideato per lo spazio dedicato all’arte contemporanea Volume!.
Sempre da intendersi come campo d’investigazione e tentativo di discernimento, la ricerca linguistica di Pietrosanti tende a travalicare i limiti del supporto o di una specifica tecnica espressiva, affrontando il problema della terza dimensione anche nelle opere su carta. Ne danno segno i lavori esposti in questa circostanza, che si collocano a evidenza in quel medesimo territorio di implicazioni metafisico-spaziali ingenerate dalla scultura in senso stretto. 
 

Jump to this page top | Back to previous page |