Galleria il Ponte su Facebook
Galleria il Ponte su Twitter
Galleria il Ponte su Pinterest

Paolo Cotani

chorus line

a cura di

ANDREA ALIBRANDI

12 aprile - 27 giugno 2008

TTC2838.jpg _TTC2843.jpg

Il nucleo centrale della mostra dedicata a Paolo Cotani, era incentrato sugli ultimi lavori dell’artista: Tensioni e Torsioni. Una serie di opere, di grandi dimensioni, in cui fasce e corde vengono appunto tirate fino al limite massimo della loro trazione e talvolta tòrte su strutture in acciaio, costituendo così un elemento dinamico in contrapposizione alla fredda ed elegante stabilità di questo materiale. Nell’ultimo grande lavoro, Chorus line, da cui prende il titolo la mostra, composto da sei elementi, la tensione pare risolversi in un tratto più pacato. Le fasce si sono rarefatte rendendo maggiormente visibile la struttura e hanno acquisito la notazione di segno, illeggibile e corale scrittura epigrafica scolpita nello spazio.
A questo nucleo si legano altri gruppi tematici di opere antecedenti, che non intendono costituire un percorso retrospettivo dell’ampio, complesso e al tempo unitario lavoro di Cotani, ma vogliono rendere il senso di alcuni tratti specifici dell’artista. Dalle prime bende elastiche tese sul telaio della metà degli anni ’70, la cui dinamica struttura scandisce la monocromia della superficie pittorica, si arriva ad alcune tele dei primi ’90, anch’esse apparentemente giocate su un unico tono, ma accese da rarefatti scarti geometrici e dalla ricchezza quasi “barocca” nella stesura dei colori. Ricchezza che ritroviamo nella pelle vellutata di alcune tavole realizzate a cera, in alcune carte fotografiche dipinte e nelle sue carte carbone, dove la sottile bianca traccia dello strappo è un lampo di luce che diviene elemento strutturale e attivo interno all’opera.  
 

Jump to this page top | Back to previous page |