Galleria il Ponte su Facebook
Galleria il Ponte su Twitter
Galleria il Ponte su Pinterest

Michelangelo Pistoletto

superfici specchianti 1962 - 2000

a cura di

ANDREA ALIBRANDI

4 ottobre - 8 novembre 2003

Pistolettomosrra_014.jpg Pistolettomosrra_008.jpg

Dopo la ristrutturazione dei suoi ambienti la galleria Il Ponte ha riaperto la stagione con una mostra dedicata a Michelangelo Pistoletto, di cui sono state esposte opere dal 1962 al 2000.
Fra i lavori presentati si evidenziavano i «quadri specchianti» del 1962-72: Sporcizia e Stereo, composti ognuno di quattro pannelli per una dimensione complessiva di cm 230x500, si tratta di due veline fotografiche dipinte e incollate su lastre di acciaio inox lucidato a specchio; e una delle prime opere in cui l’immagine fotografica è serigrafata: Donna che fa la cacca, del 1973, anch’essa di grandi dimensioni (cm 230x120).
La fotografia, dipinta su velina o riprodotta serigraficamente nelle dimensioni reali del modello, sottolinea il carattere non-soggettivo dell’immagine e immerge lo spettatore nell’opera, in una sorta di trompe-l’oeil. La nuova dimensione dei quadri specchianti è rivelata con chiarezza e sintesi dallo stesso Pistoletto: «... Nei miei quadri il tempo attuale e del futuro è già compreso nella mobilità continua delle immagini, nel presente sempre rinnovato del rispecchiamento. Questi due poli, staticità dell’im-magine da me dipinta e mobilità continua delle immagini riflesse, rappresentano i due estremi entro cui tutto il tempo viene a esprimersi».
«... Con la scoperta di un confine che non separa l’arte dal quotidiano e dal presente, l’artista sembra affermare che il protagonista dell’arte è un obbiettivo aperto, un occhio industriale al quale non corrisponde né provocazione, né soggettività. La superficie specchiante non propone ideologia, né poeticizzazione del mondo, non sogna immagini realiste o liriche, ma è “attualità in corso”...»
Le qualità riflettenti della materia e l’indagine sugli strumenti per restituirne la magia segna l’inizio del lavoro artistico di Pistoletto e continua - parallelamente alla sua poliedrica attività - fino alle opere del nuovo millennio, con cui si conclude questa mostra. 
 

Jump to this page top | Back to previous page |