Galleria il Ponte su Facebook
Galleria il Ponte su Twitter
Galleria il Ponte su Pinterest

ARTE FIERA Bologna 2010

Padiglione 18 C41 B44

28 - 31 gennaio 2010

38572_00003.jpg
SenzaTitolo.1959.a.jpg
_DSC1045.jpg
_0SC7466_copy.jpg
castellani_83_bassa.jpg

Scheggi18.jpg
_TOR1625.jpg
Baalbeck,_2005,_acciaio_cm_125x30_e_125x22.jpg
Ellisse, 2008, acciaio corten cm h 195x252x48.jpg
Copricorpo II, 2005 - 2008, stampa lambda su alluminio cm 98x150.jpg

Quest’anno la mostra tematica è dedicata a Louise Nevelson di cui si espone una selezione delle opere già presentate in galleria nel 2009, nella mostra Louise Nevelson. Collages. L’artista stessa le ha definite collages, ma si tratta di assemblages su tavola di materiali diversi, che compongono dei veri e propri bassorilievi, ribadendo l’importanza di quella visione frontale, che è elemento caratteristico della produzione scultorea di Nevelson. Accanto a questo nucleo di opere sinora inedite vengono esposte anche tre sculture dell’artista.

Elemento conduttore dello stand è il carattere scultoreo delle opere,  poichè anche quelle a parete si caratterizzano per una valenza spaziale. All'area dedicata a Louise Nevelson infatti fa da contraltare quella in cui si espongono opere di Enrico Castellani, Jannis Kounellis, Hidetoshi Nagasawa, Renato Ranaldi, Paolo Scheggi, Giuseppe Spagnulo, Mauro Staccioli. Di quest’ultimo artista, con cui la galleria collabora ormai da anni, è visibile a Volterra per tutto il 2010 la mostra di grandi opere ambientali Luoghi d’esperienza.

Accanto a questi artisti, ormai storicizzati, uno spazio non meno importante è offerto alla giovane Zoè Gruni con le fotografie della serie Metato (2004–2008), in cui è ritratta mentre indossa i suoi Copricapo e Copricorpo (ancora una volta sculture) realizzati in balle di juta – materiale ruvido, maleodorante, ingrato a lavorarsi con le mani, che porta su di sé i segni di una vita nomade e di usi promiscui, passato di mano in mano in porti e stazioni ferroviari – e con la proiezione del video digitale Metacorpo 2009 (colore, sonoro, durata 2’58”), dove fisicità animale e corporeità umana si intrecciano e sembrano condividere una memoria e un destino comune.

Sono disponibili su richiesta opere di:
Claudio Abate, Valerio Adami, Arman, Gianfranco Baruchello, Enrico Baj, Mauro Betti, Pier Paolo Calzolari, Arturo Carmassi, Mario Ceroli, Giuseppe Chiari, Antonio Corpora, Stefano Cossu, Tano Festa, Bruno Gambone, Raymond Hains, David Hockney, Allen Jacquet, Joseph Kosuth, Luigi Mainolfi, Sebastian Matta, Mario Merz, Aldo Mondino, Giulia Napoleone, A. R. Penck, Peter Philips, Roberto Pietrosanti, Michelangelo Pistoletto, Mimmo Paladino, Gerhard Richter, Mimmo Roselli, Mimmo Rotella, Emilio Scanalino, Mario Schifano, Daniel Spoerri, Salvo, Jean Tinguely, Joe Tilson, Ben Vautier, Alberto Zorzi.
 

Jump to this page top | Back to previous page |